Fatturazione elettronica carburanti: proroga al 1° gennaio 2019

 

Come anticipato dal vicepremier Luigi Di Maio, ieri il Consiglio dei ministri ha approvato il decreto legge che rinvia al 1° gennaio 2019 l’entrata in vigore dell’obbligo, previsto dalla legge di bilancio 2018 (legge 27 dicembre 2017, n. 205), della fatturazione elettronica per la vendita di carburante a soggetti titolari di partita IVA presso gli impianti stradali di distribuzione, in modo da uniformarlo a quanto previsto dalla normativa generale sulla fatturazione elettronica tra privati.

Per altri 6 mesi ci sarà quindi un ‘doppio binario’ e la scheda carburante per documentare, ai fini della deduzione dei costi e della detrazione Iva, l’acquisito di benzina e gasolio per motori potrà essere utilizzata fino alla fine dell’anno in corso. Resta, tuttavia, in vigore l’obbligo di adottare pagamenti tracciabili (legge 205/2017, articolo 1, commi 922 e 923) che, secondo il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate dello scorso 5 aprile, può essere assicurato con qualsiasi strumento diverso dal contante.