Richiesta proroga per rendicontazione investimenti autotrasporto 2020-2021

In una recente lettera indirizzata alla Direzione Generale per la Sicurezza stradale e l’Autotrasporto del Ministero delle Infrastrutture e Mobilità Sostenibili, le Associazioni della filiera industriale e commerciale del settore automotive e quelle dell’autotrasporto (ANFIA, ANITA, ASSOTIR, CONFARTIGIANATO TRASPORTI, FAI, FEDERAUTO, FEDIT, TRASPORTO UNITO, UNRAE), hanno richiesto congiuntamente una proroga di almeno sei mesi del termine finale – attualmente fissato al 14 marzo 2022 dall’art. unico, comma 3, del Decreto direttoriale n. 74 del 26 aprile 2021 – per la rendicontazione delle istanze relative al secondo periodo di incentivazione degli investimenti sostenuti dalle imprese del trasporto merci conto terzi (DM 203 del 12 maggio 2020).

La richiesta di un differimento, almeno al 14 settembre 2022, è volta ad evitare che le imprese dell’autotrasporto possano perdere l’opportunità di beneficiare dei contributi ministeriali che gli spettano, a causa della crisi globale di materie prime e semiconduttori che sta determinando forti ritardi nelle produzioni e consegne dei veicoli industriali e commerciali ordinati nei mesi precedenti.