L’auto che si parcheggia da sola: connettività a servizio del conducente

Auto a guida autonoma e non solo. Tra le novità del prossimo futuro c’è anche quella del “trova parcheggio”. Basta stress nella ricerca del posto dove lasciare l’auto, dunque, sarà lei a guidare il suo conducente verso lo spazio libero più vicino, ottimizzando gli spostamenti, con enorme risparmio in termini di tempo, consumi, inquinamento acustico e dell’aria.

La tecnologia è già pronta e qualche Casa automobilistica la sta già sperimentando in prototipi che presto potrebbero varcare la soglia del mercato. Grazie a dei sensori che interagiscono con piattaforme ad hoc, il guidatore otterrà tutte le informazioni per indirizzarsi, senza giri inutili, verso i parcheggi liberi più vicini.

Qualche modello che ha incorporato tale optional è stato presentato in occasione dello Smart City Expo World Congress, evento in corso a Barcellona fino al 17 novembre. Il tutto è reso possibile, ancora una volta, dalla “connettività”, parola d’ordine nel futuro del settore automotive.

Allegati