L’Istat lancia l’allarme: “Economia sommersa e attività illegali in crescita”

Dopo aver reso noto il dato dell’inflazione in aumento nel mese di agosto, l’Istat ha lanciato l’allarme sul dilagare di attività illegali e in nero.

In Italia, infatti, si stima che l’economia sommersa e quella fuori legge valgano ben 206,4 miliardi di euro. Tali fenomeni, spiega ancora l’Istituto, nel 2013 rappresentavano il 12,9% del Pil, con un’incidenza maggiore rispetto all’anno precedente (nel 2012 la percentuale era del 12,7%) e al  2011 (12,4).

Per arginare il dilagare di queste forme di economia sta prendendo piede l’ipotesi del progetto “conto satellite”. Si tratta di un complesso di nuove strategie utili ad indagare meglio il fenomeno e mettere a punto efficaci “politiche di contrasto”, come reso noto dal presidente dell’Istat, Giorgio Alleva, che ha dichiarato: “L’istituto sta procedendo a esplorare la fattibilità di un conto satellite dell’economia illegale”.

Allegati